Turbina


Immersa nelle verdi campagne, a pochi passi dal paese, si erge un capolavoro ingegneristico, dedicato al sollevamento dell’acqua irrigua.
L’opera consiste in una importante centrale idroelettrica: svelto edificio in cemento armato, a grandi vetrate, solidamente piantato su robuste palafitte, a due piani, che alloga gli imponenti macchinari costituiti dai trasformatori di energia elettrica, dai motori, dalle pompe che sollevano l’acqua e la spingono in quattro grossi tubi, che poi si riuniscono in uno solo del diametro di un metro, fino a spandersi nei canali irrigatori, che la defluiscono negli alvei di derivazione e la stendono tutto intorno per molti chilometri nel vasto comprensorio di oltre 600 ettari.Trecentocinquanta HP  di forza sono necessari per azionare le macchine che traendo l’acqua dal Canarolo     ( antico alveo del Po ) la sollevano a venti metri e la fanno defluire fresca e feconda nella vasta zona assetata.Costruita all’inizio del secolo scorso, per volere di alcuni coltivatori della zona con l’incitamento di Arnaldo Mussolini, la centrale con i suoi canali, è oggigiorno di importanza vitale per tutta la zona.

Informazioni aggiuntive